Skip to content

Barkeeper Nation

Ricette di cocktail

Categorie di ricette di cocktail di tendenza

Lions Tail Cocktail

Bevande classiche per tutti

I cocktail, i mixed drink, i long drink e i mocktail sono diventati sempre più popolari negli ultimi anni. Vengono bevuti e gustati nei bar, nei ristoranti, nei club e alle feste. I drink sono caratterizzati da sapori prevalentemente fruttati-dolci (come il Mojito e il Tequila Sunrise) o amari e aspri (come l’Old Fashioned e il Dry Martini). Le bevande miscelate di solito mascherano il gusto alcolico degli alcolici, motivo per cui i cocktail sono più attraenti per molte persone rispetto al bere alcolici lisci.

State cercando un cocktail particolare? Nessun problema! Basta digitare il nome nella barra di ricerca e scoprire le ricette più semplici. Se invece avete degli ingredienti specifici e cercate ispirazione per dei drink misti, cercate qui i cocktail in base agli ingredienti!

Altre ricette di cocktail

Tutto quello che c'è da sapere sulle ricette di cocktail

I primi cocktail furono probabilmente miscelati e gustati già nel XVII secolo. Ciò avveniva durante il periodo coloniale britannico. A quel tempo, tuttavia, il termine “cocktail” non esisteva ancora. Questo termine si è sviluppato molto più tardi, probabilmente nel XVIII secolo. Non è ancora possibile stabilire con esattezza l’origine del termine. Non si sa ancora come si chiamasse esattamente la bevanda all’epoca.

I primi “veri” cocktail furono probabilmente preparati in Nord America a metà del XIX secolo. A quel tempo gli alcolici, soprattutto il whisky locale, erano ancora di qualità molto scadente. Si trattava di bevande fortemente alcoliche il cui consumo doveva essere reso più piacevole con l’aggiunta di frutta e/o zucchero. L’eccellente qualità che il whisky americano di oggi possiede non poteva ancora essere raggiunta all’epoca. Ecco perché oggi è possibile gustare il whisky americano in purezza senza alcun problema.

Nel corso dei decenni si sono sviluppate nuove varianti della bevanda e la qualità dello spirito stesso è migliorata. Di conseguenza, aumentò anche il consumo della popolazione americana. Quando il consumo di bevande alcoliche sfuggì di mano, i superalcolici furono vietati e con essi qualsiasi forma di cocktail. Durante il Proibizionismo, il consumo di alcolici fu severamente vietato per 13 anni. Nel periodo che va dal 1919 al 1932, la gente cercava comunque modi e mezzi per consumare i tanto amati cocktail.

Durante il periodo del proibizionismo, tuttavia, gli alcolici erano molto più facili da contrabbandare rispetto al vino o alla birra. Per questo motivo, sempre più persone apprezzavano le bevande miste a base di diversi alcolici. La birra e il vino divennero sempre più impopolari e i cocktail sempre più popolari, motivo per cui dopo l’abolizione del proibizionismo si consumarono sempre più bevande miste.

Dopo questo periodo, in America si svilupparono sempre più bevande diverse. Nel corso degli anni, tuttavia, la cultura dei cocktail si diffuse oltre i confini americani e i drink divennero più popolari in altri Paesi. A partire dagli anni ’80, i cocktail guadagnarono sempre più fan e popolarità anche in Germania. Questo fenomeno continua ancora oggi e in quasi tutte le città ci sono cocktail bar speciali che offrono nel loro menu sia drink classici che nuovi e fantasiosi.

1579 Secondo una vecchia storia, il primo cocktail fu preparato in questo anno da un capitano di nome Sir Francis Drake.
1847 In un giornale californiano viene pubblicato il primo rapporto sulle bevande miste: “Punch Drinking and Its Effects” è ancora oggi un articolo leggendario, letto e studiato dagli appassionati di cocktail di tutto il mondo.
1851 Viene fondato il primo cocktail bar al mondo. L’Old Ship Saloon è probabilmente il più antico cocktail bar ad aver aperto le sue porte agli intenditori di tutto il mondo per oltre 160 anni.
1862 Il “Professor” Jerry Thomas pubblica un libro di cocktail ancora oggi leggendario intitolato “How to Mix Drinks or The Bon-Vivant’s Companion”. È il primo libro di cocktail mai pubblicato.
1919 – 1933 Proibizionismo. Durante questo periodo, l’alcol e i cocktail di ogni tipo erano severamente vietati negli Stati Uniti. Si dice che le famose ricette di cocktail, come quella del Long Island Iced Tea, siano state create in questo periodo. Inoltre, in questo periodo si sviluppò una sorta di “turismo alcolico”. Diversi americani si recavano ai Caraibi per gustare alcol e cocktail.
Nel 1934, Victor “Vic” Bergeron aprì il suo primo bar, dove si dice sia stato inventato il leggendario cocktail Tom Collins.

Fino ad oggi: In questo periodo sono stati aperti innumerevoli bar famosi e leggendari in tutto il mondo. Inoltre, sono state sviluppate diverse ricette di cocktail e perfezionate quelle esistenti. Anche all’epoca del proibizionismo, i cocktail riuscirono a persistere e anzi a trovare una crescente popolarità. Probabilmente i cocktail e le loro varianti esisteranno sempre. Anche lo stile di vita salutista di molte persone negli anni 2010 non ha fatto nulla per smorzare l’entusiasmo. Al contrario, si sono sviluppati i mocktail, un tipo di cocktail in cui non viene utilizzato alcol.

Bevanda del dopo cena: Bevanda che di solito si beve dopo un pasto. Chiamata anche digestivo
Amaro: Amaro è il nome di un’acquavite amara.
Aperitivo: Un tipo di cocktail che si beve prima del pasto.
Before Dinner Drink: È il termine americano per indicare l’aperitivo.
Cucchiaio da bar: Cucchiaio dal manico molto lungo che può essere utilizzato per vari compiti nella preparazione dei cocktail (ad esempio, per misurare gli ingredienti o mescolare).
Ghiaccio tritato: Ghiaccio tritato in piccoli pezzi. Ottimale per la ricetta della Caipirinha.
Digestivo: Un tipo di cocktail che si beve dopo un pasto. L’equivalente americano è after dinner drink. Si tratta spesso di alcolici come calvados, grappa, acquavite di frutta, pastis, sake o raki incorporati nei cocktail.
On The Rocks: Termine che indica il consumo di un liquore liscio, con ghiaccio. Nel frattempo, è possibile acquistare anche whisky e gin rocks. Questi possono essere messi in freezer e poi aggiunti al drink. In questo modo il cocktail non viene inutilmente annacquato dallo scioglimento del ghiaccio.
Rye: in inglese significa segale ed è usato principalmente come additivo nei whisky negli Stati Uniti.
Shaker: Lo shaker per cocktail è una coppa che può essere chiusa in modo che gli ingredienti interni non possano fuoriuscire. Lo shaker è molto importante nella preparazione dei mixed drink.
Triple Sec: Termine che indica i liquori che sono stati “triplicati”. Può essere usato solo per i liquori a base di agrumi.

Un cocktail è una bevanda alcolica mista composta da almeno due ingredienti. Uno di questi ingredienti deve avere almeno una piccola gradazione alcolica. Prima di essere servito, il cocktail viene mescolato con un cucchiaio da bar in un mixing glass o agitato in un cocktail shaker.

Una volta preparato, il drink viene di solito consumato immediatamente. Molti di questi drink hanno nomi fantasiosi e famosi in tutto il mondo. Per esempio, è possibile ordinare un Bloody Mary in Germania come in Giappone o in America e ricevere sempre la stessa bevanda.La parola cocktail deriva dalla lingua inglese e tradotta liberamente significa qualcosa come “coda di gallo”. Tuttavia, il significato effettivo della parola è molto controverso. Per esempio, si dice che la grafia storica sia stata scritta con un trattino, cioè “cock-tail”. Si discute anche se la parola sia stata usata per la prima volta in America o in Inghilterra. Ciò che è certo, tuttavia, è che il termine indica storicamente le bevande alcoliche miste.