Skip to content

Dry Martini Cocktail ricetta

Il Dry Martini è un cocktail a base di gin molto conosciuto, amato o odiato. Questo drink divide le opinioni come nessun altro. Per alcuni, il drink è affascinante e incredibilmente aromatico. Per altri è antiquato e monotono. In mezzo non c’è (quasi) nessuna opinione. È considerato il re di tutti i cocktail e gli intenditori giurano sul perfetto rapporto di miscelazione tra gin e vermouth. In passato, il drink veniva spesso perfezionato con assenzio, amari o maraschino. Inoltre, il rapporto tra gin e vermouth era di uno a uno. Solo con il passare degli anni la proporzione di vermouth è diminuita sempre di più e oggi è molto ridotta. Molto importante: in un cocktail Dry Martini corretto, l’oliva non deve mancare nel bicchiere.

Ricetta del cocktail Martini Dry

  • 6 cl di gin
  • 1 cl di Vermouth secco
  • Un’oliva
  • Una buccia di limone

Guida passo per passo

  1. Mescolare il gin, il ghiaccio e il vermouth in un mixing glass.
  2. Versare in un bicchiere da martini pre-raffreddato.
  3. Grattugiare e servire.
dry martini cocktail
chris-barkeeper-nation-1.png
Ricetta di Chris

La preparazione del Martini è fondamentalmente molto semplice: Per prima cosa, versare il gin e il vermouth, oltre a qualche cubetto di ghiaccio, in un mixing glass e mescolare bene con un cucchiaio da bar. Dopo aver mescolato per circa 15-20 secondi, si può filtrare il composto in un bicchiere da Martini già raffreddato. Quindi, guarnire la bevanda con un’oliva e cospargere il liquido con una scorza di limone. Quindi servite e gustate.

Gusto classico con solo due ingredienti

4.6/5

39 recensioni

Il Martini è un cocktail molto classico, che viene spesso definito anche come drink per gentiluomini. Il gusto è chiaramente dominato dal gin, sottolineato dal sapore leggermente fruttato e aspro del vermouth. L’interazione tra gin e vermouth è alcolica, ma non sgradevole, anzi si sposa perfettamente.

Storia - Come è stato creato il Martini Dry

La storia del Martini è lunga e nasconde alcuni segreti. Si pensa che le sue origini siano americane, ma questo non è mai stato provato. Anche l’inventore rimane tuttora sconosciuto. Si dice che i primi drink a base di gin siano stati perfezionati con il vermouth già intorno al 1880. Il Dry Martini è probabilmente nato come variante del Martinez.

Parenti del Dry Martini sono il Manhattan, il Truf Club e il Martinez. Intorno al 1885 ci furono molti esperimenti con il cocktail. Ad esempio, al posto del classico London Dry Gin si aggiungevano nel bicchiere l’Old Tom Gin o il liquore alla ciliegia Maraschino. Tuttavia, questi esperimenti non presero mai piede. Negli anni Cinquanta, il Martini fu definito il drink del nobile uomo d’affari, il che lo rese molto popolare. Era considerato un drink bevuto da uomini d’affari ricchi e di successo ed era quindi tenuto in particolare considerazione. Era considerato particolarmente elegante e di classe ordinare e gustare un Dry Martini.

Dopo che lo spirito vodka e quindi anche il cocktail alla vodka divennero sempre più popolari, il Dry Martini cadde quasi nell’oblio. A quel tempo, il mercato dei cocktail era invaso e dominato dai cocktail a base di vodka. Solo nel 1990 il cocktail conobbe una rinascita, anche se all’epoca si usava la vodka al posto del gin. Nel corso degli anni, tuttavia, sempre più barman hanno utilizzato il gin come distillato di base. Questo probabilmente ha a che fare anche con il rinascimento del gin iniziato nel 2000. Da allora, sempre più cocktail sono stati ordinati con il gin, compreso il Dry Martini. Negli anni 2000, il drink è diventato sempre più popolare e consumato in grandi quantità, soprattutto a New York. Inoltre, il drink è stato ripetutamente citato in film, serie TV e tabloid.

Consigli per la preparazione

L'oliva

Avete sempre usato solo olive verdi per preparare il Dry Martini? Allora è arrivato il momento di cambiare. Provate a usare un’oliva nera e vedrete voi stessi il sapore diverso.

Il rapporto di miscelazione

Come già detto, è possibile preparare il drink in diversi rapporti di miscelazione. Non vi piace il nostro rapporto 6:1? Allora provate semplicemente un altro rapporto di miscelazione e trovate il vostro preferito. I rapporti di miscelazione consigliati sono: 10:1, 6:1, 5:1, 2:1 o 1:1 (gin e vermouth).

Troppo aspro

Se il Dry Martini è troppo aspro per voi, vi consigliamo la variante “Kiwi Martini”. Questo drink è molto più delicato e dolce. In questo modo avrete la possibilità di abituarvi al classico cocktail aspro.

Dry Martini vs. Manhattan

Sia il Manhattan che il Martini sono cocktail preparati con il Vermouth. A volte si parla del “re di tutti i cocktail” (Dry Martini) e della “regina di tutti i cocktail” (Manhattan). Tuttavia, questi titoli sono molto contestati e possono variare da barman a barman, così come da intenditore a intenditore. In termini di gusto, entrambi i drink sono piuttosto aspri e secchi. Chi preferisce gustare long drink dolci, non dovrebbe preparare né il Martini Dry né il Manhattan.

James Bond e il Martini

Il Martini Dry ha acquisito ulteriore fama grazie ai film britannici di James Bond. In questi film, il protagonista, James Bond, ordinava sempre un Vodka Martini (variante con vodka anziché gin). Tuttavia, James Bond richiedeva sempre il drink “agitato, non mescolato”. È noto negli ambienti del bartending che un drink composto da due alcolici deve sempre essere agitato. Si dice che l’agitazione renda il drink sgradevolmente annacquato e torbido.

Che la preparazione del vodka martini sia giusta o sbagliata è irrilevante per i registi. Ciò che probabilmente è importante per i registi è che la serie di film fa sempre capolino quando si ordina un martini, il che ha funzionato straordinariamente bene. Un altro vantaggio che si è creato per la bevanda: un forte aumento della consapevolezza e della popolarità.

Dry Martini - Domande e risposte

Quando si può bere il Dry Martini?

Il Dry Martini è un cocktail adatto alle fredde serate invernali davanti al camino. Essendo un vero e proprio “gentleman’s drink”, può essere ordinato e gustato anche nei cocktail bar.

Che cos'è il Dry Martini?

Il Dry Martini è uno dei cocktail più famosi in assoluto. Questo drink è diventato molto famoso grazie alla serie di film di James Bond. Nei film, il protagonista ordina sempre un Martini, ma agitato, non mescolato.

Qual è la differenza tra un Dry Martini e un Manhattan?

Entrambi i cocktail sono preparati con il vermouth. Sono entrambi secchi, aspri e dal sapore alcolico. Tuttavia, il Martini è preparato con gin o vodka e il Manhattan con whisky.

Come si prepara il Dry Martini?

La preparazione del Martini Dry è molto semplice. Basta mettere il gin e il vermouth in un bicchiere con cubetti di ghiaccio e mescolare gli ingredienti. Quindi filtrare la bevanda in un bicchiere da Martini e guarnire con una scorza di limone. Poi servite o divertitevi.

Il drink può essere preparato anche con rum, whisky o vodka?

Naturalmente è possibile preparare un cocktail simile al Dry Martini con rum o whisky. Tuttavia, non possiamo garantire che questi alcolici si armonizzino così bene con il Vermouth. La vodka con il Vermouth, invece, è molto conosciuta. Con il nome di “Vodka Martini”, James Bond ordina questo cocktail in ogni film.

Che sapore ha il cocktail Dry Martini?

Il Dry Martini è un cocktail relativamente forte e alcolico. L’interazione tra gin e vermouth di alta qualità è chiaramente in primo piano. Se siete alla ricerca di un cocktail dolce, dovreste piuttosto optare per il Daiquiri o il Gin Fizz.

Chi ha inventato il Martini Dry?

Si dice che questo drink sia stato preparato per la prima volta già nel 1880. All’epoca, il gin veniva spesso mescolato con il vermouth per rendere il gusto più gradevole. Purtroppo non si sa chi abbia preparato il drink per la prima volta.