Skip to content

Japanese Sour Cocktail ricetta

Il Japanese Sour Cocktail si basa fortemente sulla ricetta classica del whisky sour. Tuttavia, in questo cocktail cambia il whisky (al posto del bourbon si usa un whisky giapponese) e il succo di limone viene integrato dal succo di yuzu (il succo di un agrume giapponese). Se vi piacciono i whisky sour, dovete assolutamente provare la nostra ricetta del Japanese Sour. Divertitevi a prepararla e buon divertimento!

Ricetta del cocktail Japanese Sour

  • 6 cl di whisky giapponese
  • 1,5 cl di succo di limone
  • 1,5 cl di succo di yuzu
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 albume d’uovo

Guida passo dopo passo

  1. Mettere tutti gli ingredienti senza cubetti di ghiaccio in uno shaker.
  2. Agitare bene per 20 secondi e poi aggiungere i cubetti di ghiaccio.
  3. Agitare per altri 10 secondi e poi filtrare in un tumbler pieno di ghiaccio.
  4. Guarnire con una scorza di limone o una ciliegina da cocktail, quindi servire o gustare!
Japanese Sour Cocktail
tim-barkeeper-nation
Ricetta di Tim

Il Japanese Sour Cocktail si prepara esattamente come tutti gli altri cocktail sour. Misurare tutti gli ingredienti con un jigger e versarli in uno shaker per cocktail. Assicuratevi di non aggiungere ghiaccio allo shaker. In questo modo gli albumi potranno essere sbattuti fino a diventare belli spumosi. Dopo aver agitato per circa 20 secondi, aggiungere alcuni cubetti di ghiaccio e agitare nuovamente per circa 10 secondi. Quindi filtrare il drink in un tumbler pieno di ghiaccio. Ora guarnite con una scorza di limone o una ciliegia da cocktail e servite!

Ecco il sapore del Japanese Sour Cocktail

4.6/5

13 Recensioni

Questo cocktail a base di whisky ha un profilo gustativo profondo, molto simile a quello del Whisky Sour. In questo caso, l’interazione di uno spirito con sapori agrodolci è chiaramente al centro dell’attenzione. La dolcezza del miele completa il profilo e crea un’esperienza gustativa a più livelli. L’uso di un albume d’uovo conferisce un gusto cremoso che può convincere anche i critici del whisky!